Home Digital World Abea svela i segreti di Photoshop

Abea svela i segreti di Photoshop

by Psydis
ABEA

Si conclude oggi il corso su Photoshop e Lightroom tenuto da Giacomo Buccheri presso Abea, ente di formazione milanese per la riqualificazione professionale e un reinserimento ottimale nel mondo del lavoro. I finanziamenti sono gestiti dal fondo FORMA.TEMP, dando quindi modo di imparare ed aggiornarsi in maniera completamente gratuita a qualunque persona sia in stato di disoccupazione e cerchi un modo per formarsi in vista di una carriera lavorativa con una base piccola ma concreta e ottimizzata.

Una serie importante di lezioni che hanno spaziato per tutte le caratteristiche principale dei dei software, con un’ampia trattazione ovviamente della punta di diamante di casa Adobe, per poi fare un piccolo ma importante passaggio sull’uso della “camera bianca” con le Raw in Lightoom. Ben 15 moduli da 8 ore tra cui anche una panoramica sul mondo del lavoro e i rudimenti della sicurezza sul lavoro per videoterminalisti.

Docente divertente e di tutto rispetto, ci ha condotti magistralmente tra una lezione all’altra in modo dinamico, partendo da pochi concetti base di maschere e testo (vedi  Cersei in copertina), fino al mondo inesplorato ma commercialmente fondamentale dei mock-up, fino al tutorial molto articolato di oggi in stile Avatar in cui abbiamo unito tutte le tecniche viste in queste settimane insieme.

Skin Retouch
Mock-Up nike
Locandina Discoteca
Locandina Inventata
Napoleone Leone
Water Bulb

Tutto è stato trattato in maniera molto pratica e facilmente replicabile, tanto che l’uscita del libro “Delicato è l’Equilibrio” di Alice Chimera proprio in quel periodo, mi ha permesso di sfruttare molti concetti appresi durante il corso per una parte promozionale del suo blog tour, facendo un coordinato d’impatto e fuori dal comune.

Abea

Non è stata ovviamente l’unica occasione in cui ho sfruttato gli insegnamenti, ma reputo quello sopra il risultato più eclatante e soddisfacente. Volevo infatti seguire il corso successivo su Premiere Pro … ma davanti alla prospettiva della programmazione ad oggetti ho dovuto con dispiacere passare la mano!

 

0 comment
0

You may also like

Leave a Comment