Home ElucubrazioniLost in thoughts Psydis: Le origini del “Mito”

Psydis: Le origini del “Mito”

by Psydis
Psydis

L’uovo di Psydis si schiude nelle prime ore pomeridiane di un soleggiato 14 Marzo 2006, su una ridente isoletta del Kanto (カントー地方), sotto gli occhi soddisfatti del suo papà adottivo, un umano di nome Andrea Bonvissuto.

Schivo e scontroso, ha sempre dato fiducia alle persone con molta titubanza, fattore che ha contribuito non poco a forgiare il suo carattere ribelle e poco diplomatico, in favore della schiettezza e chiarezza. Sempre disposto al dialogo, preferisce il confronto duro e la successiva riappacificazione, piuttosto che le menzogne e i sorrisi di circostanza.

Non sopporta gli ignoranti, i furbi e i pressapochisti, per cui preferisce contornarsi il più delle volte solo di persone culturalmente stimolanti, dedicandosi agli altri solo per futili discorsi da bar. Disponibile e generoso con chi lo merita, ha pochi ideali ma li persegue strenuamente per dimostrare che lui è nel giusto.

Ama la compagnia, ma solo se altamente selezionata e colta, disdegnando però quelle fisse o i mega ritrovi in cui si riesce a malapena a salutare tutti gli intervenuti.

Dal 2006, armato dalla fidata tecnologia, con un PC e la sua fotocamera Canon 300D si diverte a dare un tocco diverso al mondo tramite piccoli e grossi progetti che dimostrino l’estro e la creatività di alcune persone dell’ambito cosplay, non disdegnando mai il ritratto femminile per cui ha sempre avuto un forte interesse artistico.

Pungente, satirico e molto impiccione, si diverte a provocare e prendere in giro i “bimbiminkia” che hanno perso (o non hanno mai conosciuto) i veri valori della vita. Ora ha aperto questo blog per raccontare un pò di se e per dispensare le proprie elucubrazioni, siano esse amichevoli o scontrose, a chi è interessato a vedere la vita con un pò più di ottimismo e di sano divertimento, senza tralasciare occasionalmente la vena polemica che finora l’ha sempre contraddistinto!

 

 

0 comment
0

You may also like

Leave a Comment


The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.