Si spengon le luci, scende il sipario

Dopo anni ed anni che seguo il cosplay, tempo fa attivamente e in questi anni in associazioni ed affini, è giunto il momento di dire in qualche modo basta. Sinceramente non mi frega più nulla di andare contro corrente sulla tendenza di buonismo per cui una persona si erge a “Cosplayer” illudendosi di “essere un personaggio” solo perchè ha messo addosso due straccetti e un pò di cartoncino. Sono stanco e schifato dalle inutili beghe e polemiche sterili ed insulse in cui viene tirato in ballo il cosplay per nascondere le beghe personali o le invidie. Infine sono molto annoiato dalle menzognere dichiarazioni di molte persone che usano il cosplay come scudo della loro banale esistenza per giustificare la loro pochezza. Il cosplay nel suo piccolo cresce ed è ora che i cosplay-minkia si decidano a crescere a loro volta, altrimenti per me saranno invisibili.

Ovviamente la cosa fregherà poco o nulla alla moltitudine, ma non è questo motivo per cui io non lo dica apertamente a chi avrà voglia di ascoltare!

Ho cominciato cambiando account sotto Facebook per azzerare la situazione e scegliere accuratamente le persone con cui voglio veramente discutere di cosplay serio e non di “zuffe da bar“. Qualcuno probabilmente non verrà riconfermato e addirittura qualcuno verrà cancellato in corsa se non sarà all’altezza di evitare di alimentare il malcontento, ma almeno mi godrò appieno i pochi “eletti” che hanno un minimo di cognizione di cosa sia il cosplay e lo sappiano vivere.

Abbiamo avuto al WCS la riconferma che l’Italia ha un potenziale altissimo nel cosplay e disperderlo in stupidagini è davvero una cosa da decelebrati. Daniela e Marika hanno ridato lustro al nostro cosplay dopo che Luca e Giancarlo lo scorso anno ci hanno portato sulla vetta del mondo cosplay … e nonostante due anni favolosi di successi a Nagoya vedo polemiche su polemiche da gente che a Romics non si presenta neppure perchè sa che sarebbe inutile, ma vuole dettare leggi alle nostre vice -campionesse mondiali!

Detto in soldoni, ho deciso che siccome il cosplay non è la mia vita ne il mio lavoro,  non mi occorrono 1500 contatti per far vedere quanto sono bravo, simpatico e bello … mi bastano le persone che vorrei reincontrare alle fiere e disquisire in maniera matura. Le persone che meritano davvero il mio rispetto, perchè fanno vestiti da urlo, interpretazioni favolose o per lo meno ci mettono davvero il cuore in quello che fanno e non nel rompere i coglioni il più possibile agli altri cosplayer ed affini!

Per questo motivo evitate di mettermi in mezzo ad inutili dilemmi esistenziali sul cosplay: polemiche, invidie, critiche su foto e video a meno che non sia una critica costruttiva o un importante motivo di dibattito maturo sull’andamento del cosplay italiano … altrimenti vi avverto che “viaggierete sul filo del Vaffanculo!”. Con CosmoPlay abbiamo deciso mesi fa di dare lustro proprio al cosplay “intelligente” e ora come ora è tempo che si cominci a dimenticare del tutto quello “infantile” parlando a livello personale, associativo ed editoriale solo e soltanto di Cosplay con la C maiuscola.

Va da sè che non starò a fare crociate contro nessuno, ognuno viva la sua vita cosplay come preferisce … ma per me saranno invisibili, non degni di essere considerati e gradirei quindi non vedere e sentire più post e storielle su questi “Ghostplayer”. Se quindi durante gli eventi o su Facebook non vi cagherò di striscio, fatevi una domanda e datevi una risposta!

So benissimo che molti di voi se ne fregeheranno, ma mi auguro che pian piano in molti facciano così isolando i minchioni in una loro casta, affinchè si possa davvero creare un ambiente consono alla crescita personale in tutti i sensi!